Varie

IATA, I PROFITTI ARRIVANO E… L’ITALIA?

Pubblicato da:

Le previsioni della IATA per il corrente anno sono buone. L’industria aerea mondiale dovrebbe generare un profitto netto di 30,5 miliardi di dollari nel 2024, in aumento rispetto ai 27,4 miliardi di dollari del 2023. Si tratterebbe della cifra più alta dal 2017. Nel suo ultimo Outlook del settore, che era stato pubblicato nel dicembre 2023, la IATA aveva previsto 25,7 miliardi di dollari per il 2024, in aumento rispetto ai 23,3 miliardi di dollari del 2023. Tuttavia, i margini ...

APRI IL POST

ENNESIMA ACQUISIZIONE NEI CIELI EUROPEI

Pubblicato da:

Lo stesso Alfred Khan political advisor e fondatore della deregolamentazione aerea degli Usa avvenuta nel 1978 l’aveva temuta e predetta: “solamente un ideologo può negare il pericolo che la concorrenza finisca col divorare se stessa”. Erano trascorsi pochi anni dall’avvio della deregulation dei cieli avvenuta negli Usa (da noi in Europa sarebbe stata lanciata negli anni novanta) e si era già alle prese con un preoccupante aumento dei casi di fusioni che avvenivano senza sosta: il 94 per cento del ...

APRI IL POST

L’AGENTE DI VIAGGIO OGGI

Pubblicato da:

Non è un mistero che nelle nostre città non poche agenzie di viaggio hanno chiuso i battenti. Colpa del Covid? No, piuttosto punteremmo il dito verso il “fai da te” offerto dal PC di cui ognuno di noi oggi dispone. Certo, fare queste osservazioni in un momento in cui la IATA ci avverte che nel 2023 i passeggeri trasportati dalle aerolinee hanno toccato la iperbolica cifra di 4 miliardi e mezzo deve far riflettere. Ma è un dato di fatto ...

APRI IL POST

COSA SUCCEDE ALLA BOEING?

Pubblicato da:

Le ultime notizie che provengono da casa Boeing è che la compagnia ha avviato un’indagine su un problema di qualità dei suoi 787 Dreamliner non consegnati. I rapporti suggeriscono che centinaia di elementi di fissaggio sono stati installati in modo errato, precisando altresì che non vi è alcun rischio immediato per la sicurezza. Ma gli elementi di fissaggio non correttamente installati, un difetto di qualità nel processo di produzione, è solo l’ultimo di una lunga serie di problemi che hanno ...

APRI IL POST

TARIFFE AEREE TROPPO CARE? NON E’ VERO

Pubblicato da:

All’avvicinarsi di ogni estate ovvero quando lo spostamento dei vacanzieri si fa più consistente ecco apparire nei media la solita “lamentela” sui viaggi aerei che costano troppo. D’altra parte è cosa notoria che parlare di prezzi e tariffe che aumentano, contribuisce a far crescere l’audience. Ma chi è minimamente addentro all’industria del trasporto aereo commerciale sa bene che tali notizie nonvcorrispondono a verità. Gli argomenti che potremmo citare a sostegno della nostra tesi sono diversi e invquesta sede ne illustreremo ...

APRI IL POST

LA SINDROME DA CLASSE ECONOMICA AGGIORNATA

Pubblicato da:

In una nostra precedente Newsletter parlando dei recenti casi di turbolenze in volo annotavamo quanto segue: “prima di chiudere vorremmo evidenziare un altro problema che gioca a sfavore del passeggero. L’eccessiva durata dei voli senza scalo. Il volo SQ321 sulla tratta Londra-Singapore impiega 13 ore; come si fa a raccomandare a un passeggero di rimanere con la cintura allacciata per così lungo tempo? L’autore di questa newsletter ha fra l’altro svolto la sua attività lavorativa alla Philippine Airlines. Il 747 ...

APRI IL POST

UNA SORPRESA DAI CONTI RYANAIR

Pubblicato da:

Sui giornali, sui social, nei dibattiti si spendono migliaia di parole per spiegare, o perlomeno cercare di spiegare, le ragioni della debacle di Alitalia che ha portato alla sua scomparsa dai cieli. Non mancano anche libri che illustrano l’ingloriosa fine del nostro maggior vettore aereo. Ora a tutte queste spiegazioni disponibili vorremmo aggiungere un ulteriore tassello.
La sottostante tabella è contenuta nel documento diffuso il 20 maggio scorso in cui Ryanair ha ufficializzato i risultati dell’anno fiscale 23/24 il quale si ...

APRI IL POST

IL CIELO UNIFICATO DI MAASTRICHT

Pubblicato da:

Negli anni sessanta in Europa si prospettò l’ipotesi di un unico centro per controllare il traffico aereo. Sei nazioni Belgio, Germania, Francia, Lussemburgo, Olanda e Regno Unito avevano dato il via ad una convenzione il cui scopo era quello di unificare il traffico aereo negli spazi superiori del variegato firmamento dei centri di controllo (ATC) europei. Il progetto mette in risalto l’ingenuità che regnava in quei primi anni del dopoguerra quando si credeva che i singoli Paesi fossero disposti a ...

APRI IL POST

AEREI NELLE COMPAGNIE RUSSE, CHI DEVE RISARCIRE IL LOCATORE?

Pubblicato da:

Un interessante caso giudiziario riguardante assicurazioni aeronautiche è stato dibattuto di recente nelle aule inglesi. Si tratta della causa Zephyrus Capital Aviation Partners 1D Limited & Ors contro Fidelis Underwriting Limited & Ors la quale è iniziata il 7-8-12-13 febbraio e si è conclusa con il verdetto emesso il 24 marzo 2024. I ricorrenti sono proprietari di aeromobili noleggiati a compagnie aeree russe. Gli aeromobili erano assicurati dalle compagnie aeree con assicuratori russi e riassicurati a sua volta sul mercato ...

APRI IL POST

LA CONVENZIONE DI CITTA’ DEL CAPO

Pubblicato da:

Nel 2001 a Città del Capo, in Sud Africa si tenne una conferenza diplomatica alla quale parteciparono 68 Paesi e 14 organizzazioni internazionali. sotto gli auspici dell’Istituto internazionale per l’unificazione del diritto privato (UNIDROIT) e dell’Organizzazione dell’aviazione civile internazionale (ICAO). Da questa conferenza scaturì una risoluzione che proponeva l’istituzione di un trattato internazionale che prese poi il via il primo marzo 2006 con la denominazione di Cape Town Convention (CTC)…

APRI IL POST
Pagina 1 di 16 12345...»